Orto in Permacultura: cosa è e come fare

Cos’è la permacultura, a cosa si applica, quali sono le sue origini e cosa permette nell’orto? Questo è ciò che vedremo in questo articolo su questo singolare metodo di coltivazione.

Abbiamo tutti sentito parlare di permacultura. In questo articolo discuteremo i punti essenziali di questa metodologia, partendo dal concetto stesso di permacultura. La permacultura infatti non è qualcosa che sarebbe riservato al giardinaggio, all’orticoltura o all’agricoltura. La permacultura si applica anche agli scambi tra esseri umani e animali e finanche all’etica umana.

La permacultura è dunque uno strumento concettuale che ci aiuta a pensare alle relazioni dei diversi elementi del nostro giardino (tra le altre cose), che ci permette di scegliere tecniche per rispondere a questi stimoli verdi.

Definizione di permacultura: cos’è e come si inizia

Proviamo a dare una definizione chiara e succinta del concetto di permacultura. Questa definizione di permacultura non vuole essere esaustiva, ma mira a fornire chiavi di comprensione. Tendiamo a interpretare il termine permacultura come “agricoltura permanente” per spiegarla semplicemente. E questo deriva dalla sua creazione. La parola permacultura è in realtà un portmanteau, una crasi, tra “permanente” e “agricoltura”. Ed è proprio di questo che si tratta, mettere in atto un sistema che sia il più sostenibile possibile, tenendo conto sia delle risorse materiali che del luogo (geografia, biodiversità ecc.) che di risorse umane.

Bill Mollison e David Holmgren hanno sviluppato il concetto di permacultura in particolare attraverso diversi libri e pubblicazioni. Questi autori implicavano in particolare, con questa espressione, metodi e tecniche di coltivazione che permettessero di preservare la fertilità del suolo.

I principi della permacultura sono principi di progettazione che, basati sull’osservazione della natura e del suo sistema, ci danno una direzione da seguire. Questi principi non sono limitati e possono o non possono essere seguiti. Tutto dipende dal tuo desiderio, dalle tue aspettative, dal tuo contesto (risorse, limiti, ecc.). David Holmgren, uno dei due fondatori della permacultura, ha definito un elenco di 12 principi di permacultura. Essi offrono un punto di ingresso per iniziare il proprio orto in permacultura, e possono essere usati per analizzare il terreno e capire come impostare la propria strategia di giardinaggio.

Essi sono:

  1. Osserva e interagisci
  2. Raccogli e immagazzina energia
  3. Crea una produzione
  4. Autoregolati e accetta il feedback della natura
  5. Utilizzare e sviluppare risorse e servizi rinnovabili
  6. Non produrre rifiuti
  7. Passa dal design generale ai dettagli
  8. Integrare piuttosto che separare
  9. Usa soluzioni lente e su piccola scala
  10. Usa e valorizza la diversità
  11. Usa le interfacce e migliora gli elementi del bordo
  12. Sii creativo e reagisci al cambiamento

Fin dalla prima lettura, di cogliere l’approccio permaculturale; è un approccio razionale che mira a rendere sostenibile un sistema.

Ora dovrebbe iniziare ad essere tangibile che la permacultura non è una filosofia sfocata che rifiuta ogni intervento umano. È un metodo, un approccio, una struttura concettuale che è stata elaborata, pensata e testata da persone in tutto il mondo.

Non esiste un metodo di permacultura unico, sta a tutti pensare e costruire la propria permacultura, perché vuole proteggere la natura e gli esseri umani. Ogni giardino e giardiniere è unico. Esistono tuttavia dei consigli di applicazione dei dodici principi, che valgono in maniera più o meno generale.

1 – Osserva l’ambiente circostante: ecco a cosa prestare attenzione

Quali piante crescono da sole nel tuo giardino, quali animali e insetti ci vivono? Come è orientato il tuo giardino, cosa è esposto al sole e per quanto tempo, dov’è il vento più forte? Quali sono i luoghi più umidi e più secchi? Quali risorse hai in termini di materiale, budget, tempo, spazio?

2 – Seleziona le verdure e le erbacce

In permacultura, l’orto non è fatto solo di verdure, esiste in un insieme globale di piante che si completano a vicenda. Elenca quelle che vuoi coltivare, quindi raggruppale in base alle esigenze e alle sensibilità e alle interazioni che possono avere tra loro: piante amiche e compagni. Prediligi le piante che si riseminano da sole, per piantagioni più perenni e un minore costo finanziario e temporale.

Erbacce

Non si chiamano più erbacce e per una buona ragione: molte di loro sono utili, agli ausiliari, alla terra che proteggono o nutrono, a noi perché ci danno molte indicazioni sulla natura del nostro suolo. E in più, alcune vengono mangiate. Occupando sempre i tuoi spazi, limiterai la loro diffusione.

3 – Disegna il tuo progetto

Cosa piantare per proteggere dai venti dominanti, dove collocare le piante più utilizzate nella vita di tutti i giorni: ortaggi, erbe aromatiche, in modo che siano il più accessibili possibile, creano zone più o meno vicine alla casa a seconda della attività umane.

4 – Crea grafici: progetta il tuo schema di un orto sinergico

Il principio è generalmente quello di coltivare fuori terra, in modo da non esaurire le proprie risorse, studia gli spazi a disposizione e crea uno schema di un orto sinergico. Le tipologie di appezzamento sono molto varie: stratificazione orto bioattivo, orto lasagna permacultura, orto a cumulo, orto organico, buco della serratura, lasagne, aiuola permanente, tumuli, balle di paglia, orto 3P (elenco non esaustivo !!). Se stai realizzando bordure, prendi una pianta che ha poche esigenze e un apparato radicale leggero, in modo da non competere con le piante piantate in casa. I tuoi appezzamenti devono essere abbastanza larghi, ma devi essere in grado di raggiungere facilmente il centro, 1m20 è ragionevole. Non devi camminare nelle tue aiuole, si riempie il terreno, impedendo ai lombrichi di svolgere il loro lavoro correttamente!

Nella permacultura, la terra non viene mai ribaltata o scavata. È invece consentita l’aerazione, fino ad una profondità massima di 15 cm, mediante un rastrello.

Posizionare le piante più alte al centro non solo rende più facile l’accesso, ma fornisce anche ombra per le piante più piccole. Per crescere in altezza è permesso l’inserimento di: tralicci, sospensioni, tepee, per guadagnare spazio e ombra.

Gli appezzamenti devono essere utilizzati sempre, quindi seleziona per unire piante che si succedono nel tempo. Questo metodo di occupazione presenta diversi vantaggi:

– non lasciare il terreno nudo, che impedisce il proliferare di piante non scelte a discapito di ciò che si vuole vedere crescere.

– consentire ai giovani germogli di beneficiare degli elementi organici delle piante alla fine del loro ciclo che rilasceranno i nutrienti.

5 – Tenere sempre il terreno coperto

Paglia sistematicamente tra le tue piantagioni: impedirai la crescita delle erbacce e limiterai l’evaporazione dell’acqua, il guadagno è serio, circa 3 innaffiature su 4, microorganismi e piccoli insetti possono lavorare lì per decomporre gli elementi che sono disponibili, l’umidità e la temperatura sono più stabili, il che riduce lo stress sulle piante.

6 – Ottimizza ogni elemento

Le interazioni

Gli elementi del giardino devono essere in grado di interagire l’uno con l’altro, di essere utili per diverse funzioni: i polli si nutrono con il suolo, le lumache sono in grado di fertilizzare il terreno e si nutrono di rifiuti, le radici nutrono gli organismi del terreno, le sostanze nutritive che contengono nutriranno il terreno una volta scomposto. Le piante da compagnia si proteggono o si aiutano a vicenda.

Ricicla l’acqua

La raccolta dell’acqua piovana in contenitori aperti non solo fornisce acqua per annaffiare, ma attira anche gli uccelli che verranno a bere e sbarazzarsi di insetti indesiderati. I serbatoi posizionati in tutto il giardino ti faranno risparmiare fatica e viaggi. Installa un sistema di irrigazione a goccia per le piante che stanno andando bene.

Prepara il tuo compost

Gli scarti, tanto dell’orto quanto della casa, servono a modificare il terreno che ti nutre, un circolo virtuoso.

Proviamo a dare esempi concreti di applicazioni di questa filosofia in giardino.

7 – Preservare la biodiversità

Tra i punti più importanti da rispettare, che comprende tutti i punti precedenti: riparo e comfort sono consentiti a molti esseri viventi dalla diversità delle specie coltivate e conservate.

Progettare e realizzare il proprio orto sinergico

Adesso è il momento di fare passi concreti per progettare il tuo orto. Dalle tue osservazioni e dalla valutazione che ne consegue potrai abbozzare più in dettaglio quale sarà la forma del tuo orto sinergico, con quali materiali lo costruirai e lo delimiterai, ecc. È anche in questa fase che sceglierai cosa piantare.

Alcune piante sono utili l’una all’altra, mentre altre coesistono molto meno bene. Le potenziali associazioni sono numerose. Come regola generale, cerchiamo di abbinare piante e ortaggi con esigenze nutrizionali diverse sullo stesso appezzamento, in modo da non svuotare troppo velocemente il terreno della sua sostanza.

Di seguito sono riportati alcuni esempi comuni di possibili associazioni:

Pomodoro: aglio, cipolla, carota, asparagi, sedano, porro, basilico, prezzemolo

Rapa: piselli, rosmarino, menta

Patate: fagioli, mais, cavoli, piselli, fave, rafano

Lattuga: cavolfiore, aneto, carota, ravanello, fragola, cetriolo, zucca, porro

Fragola: borragine, spinaci, lattuga, fava, pomodoro, timo

Mais: patate, cetrioli, zucca, piselli, fave

Alcuni esempi di associazioni da evitare:

Piselli: aglio, scalogno, cipolla, porro

Patate: pomodoro, zucca, carota, cipolla, lampone, roccia, girasole

Ravanello: cerfoglio

Pomodoro: fagioli, cetriolo, cavolo rapa, patate, barbabietola

Cavolo: fragola, pomodoro, cipolla

Scalogno: piselli, fagioli, fave, lenticchie

La fase di realizzazione consiste semplicemente nell’avvio effettivo del tuo orto. Questo è il momento di allestirlo, costruire percorsi, dargli la forma che desideri e iniziare a piantare frutta e verdura o seminare le piantine a seconda del periodo dell’anno. Segue la manutenzione la quale viene eseguita una volta che il tuo orto è a posto. Se ti sei preso cura delle tue fasi di osservazione, confini e risorse e ti sei preso il tempo di sviluppare un piano preciso progettato secondo i principi e le tecniche della permacultura, allora dovresti avere pochissimo da intervenire per fare piccoli aggiustamenti di tanto in tanto. Puoi quindi tornare a una fase di osservazione l’anno successivo, in modo da poter migliorare continuamente il tuo nuovo ecosistema.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.