idrogel per coltivare orchidee in casa

Piccola guida per coltivare orchidee in gel

Le orchidee sono tra i fiori più belli e variopinti che la natura ci regala. Non a caso sono anche tra i più scelti per decorare case e ambienti. Generalmente sono piante che non hanno grandi esigenze, bastano poche e attente cure per avere una fioritura eccellente.

Ci sono tanti metodi per coltivarle, il più tradizionale è sicuramente quello a terra (o in vaso). Negli ultimi anni però si stanno facendo strada anche altre tipologie di coltivazione per la pianta di orchidea, come la coltura in acqua oppure la coltura in vaso di vetro con idrogel.

Prima di cimentarsi con queste tecniche bisogna però tenere a mente alcune informazioni essenziali: è fondamentale conoscere questi fiori tanto belli quanto delicati e le loro non poche vulnerabilità per non rischiare di fare un disastro.

Non ti spaventare, non è poi così difficile come vogliono farti credere.

In un recente articolo avevamo suggerito qualche trucco e  consiglio su come coltivare orchidee in vaso di vetro, invitandoti a fare particolare attenzione al momento in cui si estrae la pianta dal vaso di plastica e aggiungendo qualche indicazione su come innaffiarla senza danneggiarla.

Scopriamo in maniera più approfondita come coltivare orchidee in acqua utilizzando idrogel.

Come fare un’orchidea in vaso con palline gel

Leggendo su vari forum che trattano l’argomento dell’ orchidea in acquacoltura, potrai notare come il dibattito sull’utilizzo del gel per coltivare orchidee sia molto acceso.
Nonostante le molte affinità con l’idrocoltura, dove l’orchidea è immersa in acqua,  le opinioni sulla coltivazione con gel risulta essere contro natura per molti pollici verdi. Viene infatti consigliata solo per brevi periodi di tempo.

orchidea con idrogel

Noi crediamo che l’utilizzo della coltivazione di orchidee in gel possa essere un’ottima alternativa nelle stagioni in cui il clima non è d’aiuto, come l’ inverno. Nel periodo più freddo dell’anno la pianta deve essere tenuta al riparo dalle intemperie, per far si che con l’arrivo della primavera possa di nuovo essere travasata e messa a terra a respirare aria fresca.

Ma come è possibile coltivare l’orchidea in gel?

Per iniziare abbiamo bisogno di un vaso di plastica o vetro, palline di gel colorate o neutre, una pianta di orchidea (consigliamo la Phalaenopsis, sembra che sia la varietà più adatta per questo genere di coltura).

Una precisazione: il colore delle palline in gel non è determinante nella resa della fioritura. Si tratta piuttosto di gusto estetico: avendo un vaso in vetro, le palline colorate risaltano e donano un aspetto particolare e fantasioso ai  vasi da esporre in casa. Ma se preferisci un aspetto più naturale, puoi scegliere quelle neutre.

Primo passo

Immergere per una notte intera le palline in gel in un contenitore pieno di uno/due litiri d’acqua. Le palline assorbiranno il quantitativo d’acqua necessario che rilasceranno man mano alle radici della pianta. Il processo sarà terminato quando le sfere si saranno gonfiate.

Secondo passo

Solitamente quando si acquista la pianta, questa si trova già in un vaso con terra. Bisogna allora togliere la terra dalla radice, pulirla per bene anche con acqua e fare attenzione a non lasciare residui che porterebbero la pianta ad ammalarsi o ammuffirsi.

Prendere il vaso in vetro e posizionare l’orchidea pulita da ogni residuo di terra. Raccomandiamo di metterla al centro, in modo tale da lasciare spazio e aria alle radici e ricoprire interamente

Terzo passo

Posizionare le sfere di gel nel vaso, facendo attenzione a ricoprire per bene le radici. In questo modo le estremità della pianta saranno sempre a contatto con le palline gonfie d’acqua, e potranno assorbire il liquido necessario senza difficoltà.  Il gioco è fatto.

palline gel acqua

ATTENZIONE!

Mediamente un’orchidea ha bisogno di acqua una volta la settimana. Nel caso della coltivazione con palline in gel, saranno le palline stesse a dirci quando bisognerà aggiungere acqua: se sono sgonfie, e quindi vuote d’acqua, sarà il momento di innaffiarle di nuovo.

Un consiglio molto importante è quello di mescolare anche un po’ di concime specifico insieme alle palline. Seguendo le indicazioni scritte sulla scatola del fertilizzante che decidete di acquistare.

L’orchidea in vaso di vetro o plastica con gel è un buon compromesso per salvaguardare la nostra pianta dalle intemperie invernali, ma non è da intendere come una soluzione definitiva. Può essere un aiuto prima della primavera, quando la pianta dovrà tornare nel suo habitat, nella terra che gli appartiene.

I migliori 3 fertilizzanti per orchidee scelti da noi

Growth technology Orchid Myst Spray 750ml:

Acquista su Amazon

  • Non contiene insetticidi
  • Sostanze nutritive complete per orchidee
  • 2/3 nebulizzate al mese (inverno) 2/3 nebulizzate ogni 15 giorni (estate)
  • Uccide i parassiti
  • 100% naturale
  • Stimola la crescita
  • Rafforza la pianta

 

Compo Fertilizzante per Orchidee 250ml:

Acquista su Amazon

  • NPK 3 + 4 + 5
  • Sostanze nutritive per orchidee
  • Crescita graduale
  • Pianta in buona salute
  • Garantisce lunga durata

 

Fito X101001 Goccia Orchidee 6 fiale:

Acquista su Amazon

 

  • Promuove la crescita delle piante
  • Crescita sana delle piante
  • Già diluita e pronta all’uso
  • Nutrizione completa
  • Rilascio graduale

 

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.