Kit Coltivazione Indoor: Tutto Quello Che c’è da Sapere

Kit Coltivazione Indoor: Tutto Quello Che c’è da Sapere

Negli ultimi anni si è andato via via diffondendo tra gli appassionati di giardinaggio l’uso di particolari sistemi per la coltivazione delle piante all’interno della propria abitazione. A tale scopo, sono state messe a punto delle grow box che trovano il massimo riscontro nei kit di coltivazione indoor.

 

La mancanza di spazi esterni, le condizioni climatiche e ambientali e il poco tempo disponibile hanno reso la coltivazione indoor un’alternativa capace di offrire un maggior controllo di tutte le fasi di crescita della pianta, dalla germinazione alla fioritura.

Ma una grow box cos’è e in cosa consiste un kit per la coltivazione indoor? In questo articolo cercheremo di chiarire tutti i vantaggi che derivano dall’uso di  un kit completo in grado di ricreare le condizioni ambientali  per la crescita di determinate piante, come l’albero della Giada, il Bamboo della Fortuna, la Canapa o il Peperoncino.

 

Kit di coltivazione indoor: di cosa si tratta e perché si usa

Decidere di avvalersi di un kit di coltivazione indoor, permette anche ai meno esperti e ai neofiti, di creare in un piccolo spazio, le condizioni ottimali per far germogliare e fiorire anche piante da esterno difficili da coltivare in casa.

Alcune di queste infatti necessitano di una temperatura, di una illuminazione e di una ventilazione tipiche del loro habitat naturale, per poter crescere sane e in tutta la loro bellezza.

Per ottenere il massimo dei risultati è possibile sia realizzare un sistema di coltivazione fai da te assemblando i diversi componenti singolarmente, che acquistare su amazon un kit di coltivazione indoor completo ad un prezzo economico.

In commercio esistono diverse versioni di kit di coltivazioni indoor, ognuna delle quali nasce per rendere la coltivazione delle piante un processo semplice e al tempo stesso in grado di soddisfare le aspettative anche dei grower più esigenti.

Per coloro che si avvicinano a questo hobby è fondamentale conoscere tutto quello che c’è da sapere sui kit di coltivazione indoor, affinché possano indirizzare la propria scelta verso un prodotto che abbia un buon rapporto qualità prezzo e al tempo stesso sia semplice da gestire.

 

Elementi di un Kit Completo

 

Grow box

Per la coltivazione indoor l’elemento fondamentale è la grow box. Questo consiste semplicemente in un alloggiamento, una scatola particolare, nel quale vengono agganciati i diversi componenti che andranno a creare il microclima ideale per una determinata pianta. Le dimensioni della grow box variano a seconda della quantità di piante che si vogliono coltivare, tuttavia è consigliabile almeno all’inizio sperimentare la coltivazione di poche piante alla volta. In genere per la coltivazione di una o due piante è sufficiente una grow box che misura circa 40x40x60.

 

 

Led  coltivazione indoor

led coltivazione indoor

Le piante si sa hanno bisogno di luce solare affinché avvenga la fotosintesi clorofilliana sia durante la fase di crescita che di fioritura. Poiché spesso è difficile sapere di quanta luce ha bisogno la pianta che si intende coltivare, per riprodurre la luce solare e i cicli delle stagioni, sono stati creati dei particolari led per la coltivazione indoor. Tali led chiamati Agro, garantiscono il giusto spettro luminoso durante tutto il processo di maturazione della pianta. Le piante possiedono un tipo di recettore, il fitocromo che viene attivato dalla diversa lunghezza d’onda della luce: in fase vegetativa viene stimolato dalla luce a spettro viola/blu, mentre in fase di fioritura dalla luce a spettro rosso.

Rispetto alle lampade tradizionali, i led per l’illuminazione indoor, emettono in maniera selettiva solo le lunghezze luminose di cui la pianta ha bisogno. Hanno inoltre una durata maggiore, riducono notevolmente il fabbisogno energetico e non necessitano di sistemi di raffreddamento.

.

I led coltivazione indoor, sono di potenza diversa e sono compresi tra i 150 e i 600 Watt . La potenza dei led è in genere proporzionale al numero di piante che verranno coltivate all’interno di una grow box e quindi alle dimensioni della stessa.

 

 

Estrattore d’aria  

L’estrazione ad aria è un elemento essenziale per la coltivazione indoor. Infatti è proprio grazie a questo dispositivo che viene garantito il giusto livello di umidità e il ricambio d’aria all’interno della grow box. Ricordiamo che la presenza di muffa nel kit per coltivazione indoor, incide negativamente sulla crescita delle piante e quindi sulla loro fioritura. La muffa inoltre favorisce la proliferazione dei parassiti. L’estrattore d’aria per coltivazione indoor può essere munito di un filtro a carboni attivi, per risolvere eventualmente il problema del cattivo odore nell’ambiente in cui avviene la coltivazione.

 

Vantaggi della coltivazione indoor

I vantaggi che derivano dal coltivare le piante con il sistema indoor, sono molti. Essenzialmente grazie alla presenza di un timer e degli elementi sopra descritti, è possibile settare i parametri di temperatura, irrigazione e umidità, in base alle singole esigenze del grower e del tipo di piante che si andranno a coltivare. Un kit per coltivazione indoor è inoltre facile da gestire, non occupa tantissimo spazio e richiede un investimento minimo.

 

Coltivazione indoor della canapa

Negli ultimi anni coltivare la Canapa è diventato un must, grazie agli impieghi terapeutici di questa pianta nel trattamento del dolore cronico di varia natura. Per questo motivo, oggi è possibile trovare in commercio, kit di coltivazione indoor, specifici per la cannabis medica. Questo tipo di pianta richiede tuttavia cure particolari iniziando dalla qualità del terriccio, dalla scelta dei semi, dalla umidità e dalla temperatura. Allo scopo di raggiungere nell’insieme il microclima ideale il kit illuminazione per la coltivazione indoor della canapa è di fondamentale importanza. Tra i tanti impianti destinati alla coltivazione della CBT, risultano essere tra i più popolari quelli a Led che consumano meno e offrono molti vantaggi.

Il metodo migliore per far germinare i semi di canapa è la semina direttamente nel suolo e pertanto la scelta del terriccio deve essere accurata. Pur esistendo substrati di coltivazioni diverse ad esempio le coltivazioni aeroponiche, idroponiche o in cocco, la coltivazione in vaso della cannabis è la tecnica più semplice, soprattutto per i meno esperti.

I coltivatori possono orientare la propria scelta su un terriccio universale organico che in genere è pre-concimato e garantisce sostanze nutritive alla pianta fino alla fase di fioritura. Si consiglia l’uso di vasi a partire da 20L, in plastica o in tessuto traspirante (grow bag) e che abbiano sul fondo un adeguato sistema di drenaggio.

L’utilizzo dei kit per coltivazione indoor della canapa permette di avere il controllo totale anche del livello di umidità, della ventilazione e dei cicli luce/buio indispensabili per la crescita della pianta.

 

 

 

 

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.